Faq

Alex Forte è un wedding planner?
No, Alex Forte è un creativo che sviluppa concept artistici per eventi nuziali attraverso percorsi musicali, progetti di diffusione del suono e scenografie di luce.

Chi si rivolge ad Alex Forte?
Le coppie di futuri sposi italiani e stranieri, i wedding planner, i wedding concierge oppure i flower designer e gli chef che scelgono di parlare agli sposi di Alex Forte.
A volte si rivolgono a lui anche le mamme dei futuri sposi o gli amici

L’incontro con Alex Forte è indispensabile? Oppure possiamo ricevere la sua consulenza mail?
L’incontro con i futuri sposi è fondamentale per Alex Forte.
Conoscersi e porsi in situazione di reciproco ascolto consente di individuare gli elementi attorno ai quali verrà costruito il progetto artistico per la cerimonia e per il ricevimento.

Quanto costa il servizio di consulenza?
Il primo incontro in studio e l’elaborazione di un progetto artistico sono completamente gratuiti e non vincolanti per gli sposi.

E’ sempre necessario fare un sopralluogo in chiesa o presso la location?
Sì, certo. E’ un momento davvero importante, durante il quale il progetto artistico, che in studio è stato solo tratteggiato insieme agli sposi, viene calato nella realtà e se ne valuta la fattibilità.
Si percorrono gli spazi da sonorizzare, si individuano alcuni particolari architettonici o naturali da valorizzare con le luci, si individuano le aree in cui si svilupperanno i singoli momenti del ricevimento e che verranno connotati con il giusto mood musicale.
Durante il sopralluogo emergono idee nuove, particolari inediti, potenzialità e limiti che consentono di mettere a punto la migliore idea creativa e di realizzarla.

Possiamo richiedere uno solo dei servizi, ad esempio solo la musica per la cerimonia?
Assolutamente sì, anche se ad Alex Forte piace costruire insieme agli sposi un progetto con un filo conduttore che accompagni tutti i momenti dell’evento.

Che musica proponete per la cerimonia?
Ogni coppia ha la propria Storia da raccontare e la Musica ne esprime l’anima.
Mi trovate perfettamente d’accordo se pensate che la scelta del repertorio e della formazione strumentale o la realizzazione degli arrangiamenti non possano ridursi a voci standard di un listino, proprio perché espressione di quel ritmo sotterraneo e profondo che lega ogni coppia alla propria Storia.
Ad ogni nuovo incontro si sviluppa quindi un percorso di ricerca unico, con una proposta artistica costruita su misura per quella coppia di sposi e per il loro evento.

Quindi anche per il ricevimento non avete proposte standard?
Esattamente. E’ riduttivo, e non in linea con quanto abbiamo condiviso sino ad ora, selezionare proposte preconfezionate (quali, ad esempio, una formazione Jazz all’aperitivo piuttosto che un pianista durante la cena o un Dj per le danze).
Dobbiamo pensare all’evento nuziale come ad un set cinematografico in cui si racconta ogni volta una storia inedita. Impossibile proporre ogni volta la stessa colonna sonora, lo stesso set di luci, la stessa regia. Siete d’accordo?

Perché il nome Wedding Lab?
Perché si tratta di un vero e proprio laboratorio in cui, muovendo da un concept, da un’idea, si realizza un abito artistico su misura che coniuga sartorialità e design.

Perché rivolgersi ad Alex Forte?
Perché si sta cercando un’idea intima, costruita attorno alle Persone…
Persone che al primo posto mettono la ricerca, lo stile, il gusto, ma soprattutto il cuore, tanta passione e il desiderio di emozionarsi ed emozionare.